Milano,  21 Gennaio 2022

Due nuovi ritratti di killer seriali per il ciclo Nove Racconta: “Maurizio Minghella – Il predatore” e “Il cacciatore di anoressiche”

Sul Nove sabato 22 e 29 gennaio alle 21:25

Anche nel 2022 tornano gli appuntamenti con il ciclo Nove Racconta, con reportage, approfondimenti e le inchieste sui casi di cronaca più rilevanti degli ultimi trent’anni. Due sono le première a gennaio, dedicate ai ritratti di due efferati criminali: sabato 22 gennaio “MAURIZIO MINGHELLA – IL PREDATORE” e sabato 29 gennaio “IL CACCIATORE DI ANORESSICHE”, entrambi alle 21.25 su NOVE.

Primo appuntamento il 22 gennaio con “MAURIZIO MINGHELLA – IL PREDATORE” (1 ep x 75’, produzione Verve Media Company, regia di Alessandro Galluzzi, Marina Loi, Flavia Triggiani, autrici: Marina Loi, Flavia Triggiani), che racconta come il pool investigativo, composto dai magistrati e dalla polizia scientifica, attraverso le nuove tecnologie e analizzando a distanza di anni diversi elementi sulla scena del crimine, sia riuscito ad incastrare per i molteplici omicidi uno degli assassini più feroci della storia d’Italia: Maurizio Minghella. Con una scia di delitti indescrivibili, di rara ferocia, Minghella appare in tutta la sua cieca violenza contro le donne: dai numerosi omicidi per libidine a Genova, fino al periodo di Torino, dove, nonostante la concessione del regime di semilibertà, proseguirà la sua efferata opera seriale. Un complicato puzzle da risolvere, con tre processi e tre diverse fasi investigative che si intrecciano tra loro.

Il sabato successivo si prosegue con un caso giudiziario e un rompicapo psicologico senza precedenti nella letteratura criminale. “IL CACCIATORE DI ANORESSICHE” (1 ep x 75’, produzione Videa Next Station, autori: Paolo Fazzini, Marina Loi, Flavia Triggiani) prende il nome dall’epiteto che lo stesso Marco Mariolini si è attribuito nel titolo del libro autobiografico pubblicato nel 1997. A 25 anni dai fatti, attraverso materiali inediti ed esclusivi, il documentario ripercorre l’indagine nella mente perversa dell’ex antiquario, da sempre ossessionato dalle donne scheletriche e alla ricerca di donne filiformi, disposte a dimagrire sotto i suoi occhi: dalla sua prima vittima, sua moglie, che con i suoi trentatré chili a un passo dalla morte per denutrizione, riesce a salvarsi con il divorzio, fino a Monica Calò, studentessa ventinovenne che prima si sottomette alle perversioni dell’uomo e poi, dopo mesi di violenze fisiche e psicologiche, decide di lasciarlo e denunciarlo. Nessuno però si muove per fermare Mariolini e nell’estate del 1998 l’uomo uccide Monica con ventidue coltellate. Dopo aver scontato 23 anni di detenzione, Mariolini è attualmente in cura presso una clinica psichiatrica. Attraverso le sue parole, il documentario indaga che uomo è oggi.

Per ulteriori informazioni:

Ufficio Stampa Discovery
ufficiostampa_italy@discovery.com